In questo periodo in cui i festival e concerti sono fermi cosi come un po tutti noi, abbiamo deciso di intervistare alcuni dj e producer perchè anche in questi momenti la musica non si ferma mai.

Bhe cos'altro dire cominciamo con un dj nostrano, Rudeejay.

È stato difficile iniziare a fare il DJ?

Si è stato difficile perché erano tutti molto scettici e non parlo solo delle mie amicizie ma proprio dalla mia famiglia, anzi questa mia scelta mi ha sempre reso un po' la pecora nera della famiglia, i miei genitori avevano ben altri piani per me e anzi soprattutto all'epoca nel 2002 il DJ non era un vero lavoro, c'era la  seconda domanda dopo, che mestiere fai, che lavoro fai, rispondevo il DJ, la seconda ovviamente era, si ma qual è il tuo vero lavoro, quindi non è stato facile.

Come è stata la crescita durante la tua carriera?

Costante, è stata costante e non c'è secondo me mai stato un momento in cui le cose sono andate da zero a cento, è stato proprio un percorso che tutt'ora va avanti, di certo non si è fermato anzi, però è come salire scalino dopo scalino in cima ad una torre.

Quante persone ti amano?

Dovrei fare la somma di Facebook dove siamo in più di 120000, Instagram 83000, SoundCloud  72000  e Youtube quasi 30000, cose così,  sinceramente non mi sono mai messo a fare la conta.

Cosa pensi dei tuoi fan ?

Penso che siano il cuore pulsante della mia attività, quello che dico sempre che un DJ senza la sua pista da ballo, la gente che balla la sua musica non vale nulla e quindi penso che i miei fan siano proprio il mio tutto.

Qual è il tuo festival preferito ?

Ce ne sono tanti sicuramente, mi limito a scegliere in base a quelli che ho vissuto in prima persona, proprio a mettere i dischi e dico Nameless Music Festival.

Qual è il posto migliore che tu abbia mai visitato ?

Il Giappone visitato di recente tra l'altro in tournèe perché ho avuto due date li, ed è stato un posto che desideravo visitare da praticamente che c'avevo dieci anni e c'è l'ho fatta quasi a trentaquattro.

Qual è la tua canzone preferita?

Halcyon On and On degli Orbital, un brano del 1994 che dura circa una decina di minuti, tutto strumentale, consigliatissimo:

Hai prodotto delle nuove canzoni che usciranno a breve?

Si tantissime non posso ancora svelare e titoli o cose, forse soltanto che la prima uscirà a fine maggio

Save the date...

Con chi ti piacerebbe collaborare come internazionale?

Ce ne sono tantissimi ed uno su tutti un nome con cui ci sono delle buone possibilità che questo accada, quindi per scaramanzia non lo dirò.

Come hai saputo della morte prematura di Avicii? Come ti sei sentito?

L'ho scoperto se non ricordo male con un messaggio di mio fratello su whatsapp. Che mi ha girato un link sono andato subito a vedere, sono rimasto abbastanza scosso.  Mi ricordo che era periodo pre cena, tarda serata comunque, tardo pomeriggio pardon. Mi sono sentito molto molto scosso o molto... non lo so ci ho messo tanto somatizzare quello che stava succedendo e per tanto intendo veramente i giorni a seguire. È stata però una cosa ora che passato tanto tempo, che credo che abbia ha messo molta coscienza all'interno del nostro settore, che prima sicuramente mancava. Anche perché lo sa settore sempre fatto verso un paese dei balocchi, col fatto che il nstro lavoro è quello di fare divertire ed intrattenere le persone, invece adesso credo che tutto venga gestito con maggiore professionalità,  serietà e attenzione verso la salute dei DJ, quindi questo credo che sia molto molto importante e positivo.

Per restare aggiornati sulle uscite di Rudeejay






Prova Apple Music gratis per 3 mesi

Ascoltalo su Spotify

Ascolta su Amazon Music

Prova Amazon Music Unlimited gratis qui

Usa la nostra Skill per restare aggiornato.

P.S. #iorestoacasa #lamusicanonsiferma